Andrea PanzavoltaNel controverso panorama culturale forlivese uno spazio molto particolare è ricoperto da Musica delle Passioni. La definizione “rassegna concertistica” ci sembra riduttiva: fedeli alla vocazione innovatrice di questa  manifestazione i due direttori artistici, Andrea Panzavolta (che abbiamo intervistato) e Filippo Pantieri hanno posto la musica al centro di un dialogo che coinvolge sia le altre arti sia diversi ambiti disciplinari, a partire dalla filosofia. Non si tratta di un dialogo socratico, volto al raggiungimento della Verità, ma un eterno interrogarsi reciproco che pone continuamente in gioco presente, passato e futuro. Emblematico appare allora ricordare che nel 2013 il concerto inaugurale della prima edizione  della manifestazione sia stato un quartetto per archi, genere musicale che Goethe definì «un dialogo tra quattro saggi».

Festival della Musica Giovane del MediterraneoLa musica può essere un pretesto di lavoro comune per costruire la pace. Ne è stato un esempio il primo Festival della Musica Giovane del Mediterraneo, che si è svolto a Forlì e Santa Sofia dal 5 all’11 settembre 2016. Per i ragazzi delle tre penisole bagnate dal Mediterraneo è stata una settimana di studio, confronto, prove e concerti sotto la direzione artistica di Igor Buscherini. L’iniziativa rientrava ne “La musica: un ponte fra i popoli. Scuole di Musica per la Pace. Anno II”, progetto nato nel 2013 e promosso dall’Istituto Pace Sviluppo e Innovazione delle Acli (ISPIA) di Forlì-Cesena e sostenuto dal Comune di Forlì.

Massimo MercelliOrmai da diversi anni un ruolo importante nella vita culturale dell’estate forlivese è ricoperto da Emilia Romagna Festival (erf). Anche la XV edizione, che si sta concludendo, ha diversi appuntamenti nella nostra città. Parlare col suo direttore artistico, il flautista Massimo Mercelli, è stata l’occasione per allargare il punto di vista e per inserire la situazione musicale del nostro territorio all’interno di un contesto nazionale ed internazionale.

Denis ZardiUn autentico contesto di educazione musicale si è creato in sala Sangiorgi la sera del 15 giugno in occasione del concerto del pianista Denis Zardi che da quest’anno insegna all’Istituto musicale Angelo Masini. L’appuntamento, intitolato “Il pianoforte Romantico” rientrava nella rassegna “Docenti in concerto” e nelle celebrazione de “Il Masini fa Novanta”, che vogliono ricordare il novantesimo anniversario della morte del tenore forlivese e della fondazione della scuola di Corso Garibaldi. 

Stefano OrioliL’esperienza di un insegnante di strumento permette di conoscere alcuni segreti del flauto, del violino, del corno. Il forlivese Stefano Orioli ci ha raccontato come, anche attraverso il rapporto coi suoi allievi, abbia saputo riflettere sui limiti e sulle potenzialità del pianoforte.

Arditti Quartett Le sonorità siderali dell’Arditti Quartett hanno per una sera riempito lo spazio del San Giacomo e idealmente di tutta Forlì. Sabato 9 aprile il celebre quartetto è stato protagonista di un concerto promosso dalla associazione culturale “Area Sismica”. È stato un Omaggio a Stefano Scodanibbio, di cui sono stati eseguiti Visas e Lugar que Pasan insieme al Quartetto n.2 di György Ligeti ed a La souris sans sourire di Franco Donatoni. L'evento era dedicato a Pierantonio Pezzinga.

 

Area SismicaUna delle realtà che sta assumendo un ruolo molto importante nel rinnovamento della vita culturale e musicale forlivese è l’associazione Area Sismica. Con il suo presidente, Ariele Monti, abbiamo cercato di ripercorrere, il suo passato, il suo presente e… il suo futuro.