Fred FrithNuovi orizzonti si aprono a Ravaldino in Monte“Area Sismica” è da poco entrata nel “Fondo Unico dello Spettacolo” del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, risultando prima nella categoria “Musica - prime istanze”. Si tratta di un riconoscimento che, oltre ad essere di grande prestigio, incentiva l’associazione a proseguire con sempre maggiore impegno l’attività di questi anni. Altri stimoli sono venuti dall’esito positivo della piccola rassegna che si è svolta tra giugno e luglio e che ha visto un aumento di presenze: lo spazio esterno di via Le Selve 23 si è rivelato particolarmente adatto all’ascolto della musica dal vivo. Altrettanto incoraggiante è stato il Crowdfunding, raccolta fondi che ha permesso di completare la ristrutturazione della sede: metà delle donazioni sono arrivare dall’estero.

Così la ventinovesima stagione, che sta per essere inaugurata il 7 ottobre con gli “Horse Lords”, può non essere definita solo “concertistica”. Ampio spazio sarà riservato all’impegno divulgativo ed alla formazione scolastica, col rinnovato rapporto che lega “Area Sismica” al Liceo Musicale Statale ed all’Istituto Musicale “Angelo Masini” soprattutto con l’Ottavo Festival di Musica Contemporanea Italiana (24-25 novembre). La rassegna vedrà impegnati anche artisti forlivesi, come Alessandro Spazzoli, accanto ad importanti autori ed interpreti del nostro Paese, tra cui Fabrizio Ottaviucci. L’impegno per la città si rinnova anche con la terza edizione di “Forlì Open Music”, che avrà luogo al San Giacomo il 13 ed il14 ottobre ed in cui tra gli altri brillerà la stella del violinista inglese Irvine Arditti. Vi saranno poi residenze artistiche e workshop, come quello che il 27 ed il 28 ottobre vedrà protagoniste le percussioni di Martin BrandlmayrMichele Rabbia e Julian Sartorius. Tutto questo si innesta in una stagione i cui assi portanti sono i Live della domenica alle 18, tra cui segnaliamo i “Reasons For Moving” (18 novembre), gruppo che comprende Fred Frith e Larry Ochs. La sfida continua, sempre.